AT-1024x402-2019
affettato_10245x402
miele1024x402
carne_1024x402
PO-1024x402
DSC_7356_1024x402
spighe2-1024x402
verdura2-1024x402
risotti_1024x402
· Abbiamo qualcosa da raccontarvi: "Passione e storia al Ristorante Pizzeria Dordoni" ·
← Elenco Blog
Passione e storia al Ristorante Pizzeria Dordoni

La storia del Ristorante Pizzeria Dordoni risale al 1966, quando Albino Dordoni, il nonno degli attuali proprietari, fece un regalo alla propria moglie: le donò questo locale con vista sulla campagna cremonese poco distante dal centro cittadino perché lei potesse esprimervi tutta la sua passione per la cucina. Il ristorante Dordoni diventò ben presto a Cremona “il ristorante” per definizione.

Fu un gesto d’amore che vive ancora oggi e la tradizione familiare è portata avanti dai nipoti di Albino Dordoni, Chiara e Paco Magri e dalla loro mamma, Carla Dordoni.

La passione ereditaria per la cucina

L’amore di Paco Magri per la cucina vive in lui da sempre e cresce anche in anni in cui non svolgeva questa professione. Infatti i nonni negli anni Ottanta avevano optato per dare il ristorante in gestione: per dieci anni il ristorante fu gestito con successo e cura dalla famiglia Pisati, mentre negli anni Novanta si seguirono più gestioni che non riuscirono a stare al passo con i tempi. Non era più periodo di banchetti e ricevimenti: le esigenze della clientela erano cambiate, bisognava trovare chi le sapesse comprendere.

Il ristorante Dordoni così smette dal 1996 la propria attività, finché Paco nel 1999 non decide di riaprirlo a nuova vita. Durante gli anni della chiusura, camminando per le sale completamente vuote del grande e ampio locale, incomincia a sognare ad occhi aperti. Sente rivivere in sé lo spirito del nonno e guardando dalla veranda i verdi campi intorno, prende una decisione. Fa un salto nel buio, ma l’impegno, il sacrificio e la dedizione sua, di sua sorella, di sua madre e di sua moglie saranno ripagati nel tempo.

La svolta: la pizza di qualità

I primi anni sono difficili. Paco capisce che deve avere l’idea giusta e dal 2003, al menù del ristorante, aggiunge le pizze, ma il vero cambio di rotta avviene nel 2008 quando è Paco ad uscire dalla cucina e prendere in mano personalmente la pizza.

Inizia a fare corsi di specializzazione.  Prima di tutto continua a migliorare l’impasto: abbandona le farine raffinate e opta per quelle a macina a pietra, che conservano tutta la ricchezza nutritiva del frumento, garantendo un’alta digeribilità. Insieme all’impasto, anche il pomodoro deve essere di alta qualità e praticamente a Km zero: Mantova, Cremona e Verona.  La mozzarella è di latte vaccino di Cremona. Lo stesso discorso di alta qualità  viene applicato alle verdure che sono tutte fresche e di provenienza italiana, poi conservate grazie al sottovuoto e agli abbattitori.

Di pizza non ce n’è una sola

Dalla pizza Paco passa ai lievitati e ai grandi lievitati, panettone e colomba, preparati con lievito madre. Grazie al lievito madre, da un solo tipo di pizza si passa a tre tipologie: pizza tirata, pizza 100% lievito madre e pizza a doppia cottura al vapore. Dal 2006 poi si dedica anche al senza glutine, diventando un locale certificato per i celiaci. È sicuramente una scelta impegnativa aver distinto i forni e i laboratori, ma offre garanzie di sicurezza e igiene.  Il senza glutine apre a Paco un nuovo mondo di possibilità, tanto che il 90% del menù è senza glutine e c’è anche la possibilità di asporto per il cibo senza glutine.

Seguire la qualità e trovare soddisfazione

Paco e sua sorella Chiara hanno scelto di seguire le orme del nonno, cioè di ricercare la qualità che poi è garanzia di soddisfazione perché la clientela torna. Per ricercare la qualità bisogna anche stare al passo con i tempi e dunque mettersi in discussione sempre per migliorarsi, perché il prodotto pizza è in continua evoluzione. Questo porta Paco a lavorare anche fuori dall’orario di lavoro, perché continua a sperimentare: sua moglie gli è vicina in questa ricerca e lo sostiene, lui stesso mi dice che è importante avere al fianco una persona che lo capisce, sua moglie è la prima che lo sopporta e lo supporta. La cucina, infatti, non è uno show, ma è impegno, fatica e ricerca, anche in un continuo rapporto con i colleghi per confrontarsi.

Il lavoro al Dordoni è in costante crescita ed è la prova che quello su cui Paco e Chiara e tutta la famiglia hanno puntato è la strada giusta su cui procedere perché la tradizione del Dordoni continui anche in futuro. 

Visita la scheda dedicata al Dordoni

Scopri
le specialità dei ristoratori del territorio
dai un'occhiata
Scopri
le specialità dei ristoratori del territorio
dai un'occhiata

Hai un ristorante?

Dare visibilità online al tuo locale è un buon modo per raggiungere nuovi clienti.

CONTATTACI
Iscrivendoti confermi di aver preso visione della normativa sulla privacy ed esprimi il consenso al trattamento dei tuoi dati personali.
Iscriviti alla newsletter
Ricevi le ultime novità e promozioni

La tradizione arriva
sulla tua tavola

ACQUISTALO ADESSO