AT-1024x402-2019
affettato_10245x402
miele1024x402
carne_1024x402
PO-1024x402
DSC_7356_1024x402
spighe2-1024x402
verdura2-1024x402
risotti_1024x402
· Abbiamo qualcosa da raccontarvi: "Si fa presto a dire Torrone" ·
← Elenco Blog
Si fa presto a dire Torrone

Pare che questo dolce, di probabile origine araba e per lo più confezionato con albumi montati a neve, zucchero, miele, vaniglia e mandorle, sia stato codificato e battezzato da un cuoco cremonese. Ha reso famosa la città di Cremona, ma si produce per tradizione in tante altre parti d’Italia sia nella versione dura sia in quella tenera. Si trova quasi tutto l’anno, non solo a Natale, nei negozi e sulle bancarelle delle fiere del Piemonte (il torrone d’Alba ha le nocciole al posto delle mandorle), in Toscana (dove si chiamava copata), in Abruzzo (quello de l’Aquila è il tipo morbido ricoperto di cioccolato; quello chietino prevede noci, fichi secchi e cannella), in Campania (famosi i torroni di Benevento a base di mandorle e con diverse coperture), in Sardegna (arricchito di mix di mandorle, noci e nocciole). Si chiama cubbaita o giuggiulena in Sicilia e prevede anche il sesamo; il mandorlato è specialità di Cologna Veneta, a Bagnara Calabra si fregia dell’Igp il tipico torrone locale: friabile e speziato, di colore scuro per l’abbondante presenza di mandorle tostate ma non pelate, è coperto di granelli di zucchero o di cacao amaro.

Tratto da:
I paesaggi del cibo
Luoghi e prodotti della nostra terra
Touring Club Italiano, 2015

Scopri
le specialità dei ristoratori del territorio
dai un'occhiata
Scopri
le specialità dei ristoratori del territorio
dai un'occhiata

Hai un ristorante?

Dare visibilità online al tuo locale è un buon modo per raggiungere nuovi clienti.

CONTATTACI
Iscrivendoti confermi di aver preso visione della normativa sulla privacy ed esprimi il consenso al trattamento dei tuoi dati personali.
Iscriviti alla newsletter Ricevi le ultime novità e promozioni