AT-1024x402-2019
affettato_10245x402
miele1024x402
carne_1024x402
PO-1024x402
DSC_7356_1024x402
spighe2-1024x402
verdura2-1024x402
risotti_1024x402

· I prodotti del territorio: "Melone Mantovano IGP Prodotto nella provincia di Cremona" ·

← Elenco
Melone Mantovano IGP Prodotto nella provincia di Cremona

SCHEDA TECNICA

Il Melone Mantovano IGP, prodotto nella provincia di Cremona è quello conosciuto come Melone di Casteldidone, uno dei prodotti agroalimentari tradizionali riconosciuti dalla Regione Lombardia. Il suo sapore inconfondibile gli ha permesso, nel 2012 di  ottenere  l’IGP, come riconoscimento europeo.

Dal punto di vista nutrizionale, il melone di Casteldidone è un frutto ad altissimo contenuto acqueo ricco di minerali, in particolare di potassio, e fornisce un alto apporto di vitamina C e di beta-carotene. Grazie al suo limitato apporto calorico e all’alta digeribilità è l’ingrediente perfetto di ogni dieta.

L’alta qualità del melone di Casteldidone è data da alcuni fondamentali fattori che lo contraddistinguono dalle coltivazioni nel resto d’Italia. Le principali differenze sono date dal clima ottimale, dal terreno calcareo e alluvionale, dall’esperienza produttiva e dalle tradizionali tecniche colturali.

Per ottenere un  melone di Casteldidone di alta qualità, la produzione si è concentrata quindi in un’area geografica piuttosto ristretta, il cui baricentro si trova nel comune di Casteldidone, ma comprende anche i comuni di San Giovanni in Croce, Rivarolo del Re e Casalmaggiore.

RIFERIMENTI STORICI

Sull’origine del melone gli studiosi si dividono, alcuni attribuiscono l’origine all’Africa, altri invece sostengono che provenga dall’Asia Minore. Quel che è certo però è che non si conosce la specie selvatica a cui fare riferimento. Si potrebbe quindi dire che l’origine del melone si perde nella notte dei tempi.

Già 3000 anni fa i Sumeri conoscevano il melone,  in un poema epico l’eroe Cigalmesh mangiava “meloni cassia”, frutti rappresentati sulle tavole imbandite in vari bassorilievi.

In Italia, e in particolare nella zona di Casteldidione, il melone si è diffuso già da molti secoli. Due citazioni del frutto sono presenti già in affreschi del 1600/1700 presenti nei castelli e nelle chiese parrocchiali dei paesi produttori. Il territorio di Casteldidione è vocato alla coltivazione grazie alla caratteristica sabbiosa del terreno.

 

ABBINAMENTI

Il melone di Casteldidone è il compagno per eccellenza di squisiti affettati, in particolare con il crudo, ma può essere gustato anche singolarmente. D’estate invece viene spesso gustato farcito di macedonia o gelato di melone, trasformandosi in un dessert fresco e raffinato. Il melone di Casteldidone si abbina anche a vini leggeri, in particolare si sposa egregiamente con vini rossi vinificati in bianco freschi, leggermente frizzanti e fruttati.

ZONA DI PRODUZIONE

Il melone nel nostro paese può essere gustato un po’ ovunque, essendo un prodotto molto diffuso e amato, ma il melone di Casteldidone può essere prodotto unicamente delle zone di Casteldidone, San Giovanni in Croce, Rivarolo del Re e Casalmaggiore (provincia di Cremona).
In collaborazione con: Strada del Gusto Cremonese nella terra di Stradivari.

Scopri
le specialità dei ristoratori del territorio
dai un'occhiata
Scopri
le specialità dei ristoratori del territorio
dai un'occhiata

Hai un ristorante?

Dare visibilità online al tuo locale è un buon modo per raggiungere nuovi clienti.

CONTATTACI
Iscrivendoti confermi di aver preso visione della normativa sulla privacy ed esprimi il consenso al trattamento dei tuoi dati personali.
Iscriviti alla newsletter Ricevi le ultime novità e promozioni